Norwegian Wood (Tokyo Blues) di Haruki Murakami

Norwegian Wood (Tokyo Blues) di Haruki Murakami è uno de miei libri preferiti, al momento in concorso a Venezia c’è il film Norwegian Wood di Tran Anh Hung ispirato da questo libro.

Il mio consiglio, anche se ancora non ho visto il film, è di non andare al cinema senza prima aver letto il libro.

Recensuibe Kibro

Tokyo Blues  è stato pubblicato nel 1987 dallo scrittore giapponese Haruki Murakami. Il libro l’ho letto a sedici anni e poi l’ho riletto in inglese qualche mese fa, racconta l’esperienza di un giovane studente giapponese che affronta il passaggio all’età adulta  attraverso la scoperta del dolore, della sessualità, dell’amicizia.

La vicenda è ambientata alla fine degli anni ’70, la voce narrante è quella del protagonista, Toru Watanabe, 37 anni,  che ricorda la sue esperienza di  studente universitario a Tokyo.

Sullo sfondo ci sono gli scovolgimenti politici e gli scioperi degli studenti tipici del periodo storico ma la storia si focalizza innanzitutto sulla educazione sentimentale del giovane Toru Watanabe.

Toru è coinvolto in due relazioni di natura sentimentale (in senso lato) con due donne molto diverse tra loro, Naoko, fragile e triste, Midori, estroversa e amante della vita.

La prima parte del libro si concentra sull’amicizia tra Toru e Naoko, i due si conoscono fin dall’infanzia dato che Naoko era fidanzata con Kizuki, il migliore amico di Toru.

Si erano visti l’ultima volta al funerale di Kizuki e si incontrano di nuovo dopo circa un anno a Tokyo.

Bellissima la parte dedicata  alle considerazioni di Toru relativamente alla perdita del suo migliore amico:

La vita di qua, la morte di là. Io sono da questa parte, e quindi non posso essere da quella. Ma a partire dalla notte in cui morì Kizuki, non riuscii più a vedere in modo così semplice la morte (e la vita). La morte non era più qualcosa di opposto alla vita. La morte era già compresa intrinsecamente nel mio essere, e questa era una verità che, per quanto mi sforzassi, non potevo dimenticare. Perchè la morte che in quella sera di maggio, quando avevo diciassette anni, aveva afferrato Kizuki, in quello stesso momento aveva afferrato anche me.

Naoko studia a Tokyio, i due si frequentano e diventano amici. A scuola Toru scopre Truman Capote, John Updike e Francis Scott Fitzgerald.

Proprio grazie alla sua passione per The Great Gabsy si lega a Nagasaw. Nagasaw ha due anni in più, studia giurisprudenza , un personaggio cinico e sopra le righe.

L’amicizia tra i due è fondamentale per Toru, Nagasawa è intelligentissimo, di famiglia benestante, è fidanzato con l’adorabile Hatsumi ma non crede nella fedeltà e coinvolge  Toru nelle sue avventure.

Ad un certo punto l’amicizia tra Toru e Naoko si complica, Naoko ha un esaurimento nervoso, Toru le scrive ma lei non risponde.

Fino a quando Midori Kobayashi entra nella sua vita, dirompente, strana, onesta, intelligente, i due iniziano a frequentarsi ma Toru si sente legato a Noako.

I vari personaggi sono messi di fronte a possibili alternative (e conseguenze),  talvolta le scelte che compiamo sono inevitabili ma questo non ne riduce il dolore, Toru è in cerca di una sorta equilibrio tra fiducia nel futuro e sensi di colpa legati  al passato.

Il finale è  bellissimo, si piange, si ride, si ha voglia di ascoltare i Beatles.

Un romanzo assolutamente stupendo che vi rimarrà sempre nel cuore.

Altre opinioni:

Drowned World

Tokyo Blues 39

Il mio voto: 5/5 !!!

Em

Annunci

5 risposte a “Norwegian Wood (Tokyo Blues) di Haruki Murakami

  1. Assolutamente d’accordo sul giudizio che dai del libro, ma probabilmente sono di parte. 🙂

    Grazie del riferimento al mio blog! 😉

  2. “She asked me to stay and she told me to sit anywhere,
    So I looked around and I noticed there wasn’t a chair.”

    Che dire se non FINALMENTE…. si sentiva la mancanza della nostra pietra miliare adolescenziale…

    Anche io l’ho riletto due volte… non riuscivo a staccarmi da lui…E’ così intenso così divertente ed emozionante…

    Concordo in pieno sul NON VEDERE il film senza aver letto il libro… anzi…punterei proprio sul non guardare MAI il film [ a meno che la critica non insorga dicendo al mondo intero che è un capolavoro; il mio amore per il cinema supera alcune barriere ;- ) ]… Non vorrei mai si rovinasse anche solo il ricordo delle emozioni che Norvegian Wood mi ha dato… Come purtroppo mi è successo guardando l’orribile film tratto dal meraviglioso libro ” LA MOGLIE DELL’UOMO CHE VIAGGIAVA NEL TEMPO”…

    E rilancio dandoti l’idea per un post che tratti del DIFFICILE rapporto tra cinema e letteratura…

    • cri sull’argomento sei tu l’esperta dato che io semplifico e scelgo sempre la letteratura sul cinema, il rapporto è difficile nel senso che spesso il film mi toglie la voglia di leggere il libro e questo vale in generale su tutti i generi da La Bussola D’Oro passando per I love Shopping per arrivare a The Dreamers.
      Film riusiciti: gli Harry Potter, Black Runner, le fiction della BBC sui romanzi di Jane Austen ma comunque bisogna sempre e comunque avere letto il libro.

  3. io stò leggendo Kafka sulla spiaggia e mi piace molto, ho scoperto da poco questo autore fantastico e leggerò anche gli altri perché mi sembra di condividere un percorso con lui.

  4. Lo lessi da adolescente e mi stregò. L’ho riletto da adulta e la sua magia non mi ha ancora abbandonato. Una tristezza così soave che ti avvolge e non ti lascia più… Sinceramente ho i miei dubbi su come questo libro possa essere stato reso cinematograficamente…
    Un saluto per questo blog molto interessante… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...